Schede Normative degli Edifici Rurali e delle Case Sparse

Scheda n°12- Montecchio

Pianta dell'area con la distribuzione e numerazione dei fabbricati
Montecchio N.012
Fotografia del Fabbricato numero 1
Fabbricato 001:
Demolizione con ricostruzione di un nuovo fabbricato con superficie coperta non superiore al 65% di quella attuale, ad un solo piano; tecnologia, materiali e finiture dovranno essere quelli tradizionali.
Le superfici impermeabili a ridosso dell'edificio sono ammesse nella misura massima del 25% della superficie coperta di progetto.
Fotografia del Fabbricato numero 2
Fabbricato 002:
Riqualificazione di tipo 2.
Fotografia del Fabbricato numero 3
Fabbricato 003:
Riqualificazione di tipo 2, con possibilità di ampliamento, per una superficie coperta non superiore al 50% di quella attuale, limitatamente al solo piano terreno, sul lato est dell'edificio; contestualmente è prescrittiva la demolizione di tutte le baracche ed i manufatti, anche in muratura, che non appartengono al corpo principale del fabbricato; tecnologia, materiali e finiture dovranno essere quelli tradizionali.
Le superfici impermeabili o semipermeabili a ridosso dell'edificio sono ammesse nella misura massima del 25% della superficie coperta complessiva di progetto.
Fotografia del Fabbricato numero 4
Fabbricato 004:
Riqualificazione di tipo 1.
E' ammesso rialzare la quota di gronda della porzione di edificio più bassa nella misura strettamente indispensabile all'utilizzo degli spazi. La porcilaia aperta, posta sul fronte sud, potrà essere ampliata per un massimo del 10% della superficie coperta attualmente occupata dal manufatto e trasformata in parata; non ne sarà comunque ammessa la chiusura con alcun tipo di infisso. Tecnologie, materiali e finiture dovranno essere quelli tradizionali.
Le superfici impermeabili o semipermeabili a ridosso dell'edificio sono ammesse nella misura massima del 25% della superficie coperta complessiva di progetto.
Fotografia del Fabbricato numero 5
Fabbricato 005:
Riqualificazione di tipo 1.
Le scale esistenti sul fronte est dovranno essere sostituite secondo forme e materiali adeguati al complesso dell'edificato.
Gli stalletti, pericolanti, sul fronte nord-ovest dovranno essere demoliti.
Fotografia del Fabbricato numero 6
Fabbricato 006:
Riqualificazione di tipo 2.
Fotografia del Fabbricato numero 7
Fabbricato 007:
Riqualificazione di tipo 3. Contestualmente all'ampliamento è prevista la demolizione, sui due fronti, delle superfetazioni (gabinetti pensili, terrazzi, capanni, garages, stalletti) di recente costruzione con una ricomposizione dell'impaginato delle facciate; la dimensione delle aperture dovrà comunque rimanere invariata ma è prevista la sostituzione di architravi in cemento o acciaio con elementi in pietra o laterizio. Le scale esterne e quelle nella corte dovranno essere sostituite secondo forme e materiali adeguati al contesto.
Le superfici impermeabili o semipermeabili a ridosso dell'edificio sono ammesse nella misura massima del 25% della superficie coperta complessiva di progetto.
Fotografia del Fabbricato numero 8
Fabbricato 008:
Riqualificazione di tipo 1.
Le scale esterne esistenti sul fronte sud est dovranno essere sostituite secondo forme e materiali adeguati al contesto.
Non è ammessa la chiusura delle loggette caposcala.
Fotografia del Fabbricato numero 9
Fabbricato 009:
Riqualificazione di tipo 2.
Fotografia del Fabbricato numero 10
Fabbricato 010:
Restauro.
Fotografia del Fabbricato numero 11
Fabbricato 011:
Riqualificazione di tipo 1.
Fotografia del Fabbricato numero 12
Fabbricato 012:
Riqualificazione di tipo 1.
Fotografia del Fabbricato numero 13
Fabbricato 013:
Riqualificazione di tipo 1.
Tettoie e baracche intorno all'edificio dovranno essere rimosse. Le scale esterne dovranno essere ricostruite impiegando materiali coerenti all'edificio, anche con contestuale realizzazione di una loggia caposcala e di uno spazio di filtro coperto in corrispondenza dell'ingresso a piano terra per una superficie coperta non superiore al 10% di quella esistente.
Sono previsti inoltre il ripristino dello stato originario della capanna sul retro e la sistemazione del loggiato al piano primo con una struttura in muratura e correnti lignei.
Tecnologie, materiali e finiture dovranno essere quelli tradizionali.
Fotografia del Fabbricato numero 14
Fabbricato 014:
Demolizione e ricostruzione di un fabbricato di uguale volumetria e superficie coperta; tecnologia, materiali e finiture dovranno essere quelli tradizionali; non sarà ammesso il cambio di destinazione d'uso.
Fotografia del Fabbricato numero 15
Fabbricato 015:
Restauro
Fotografia del Fabbricato numero 16
Fabbricato 016:
Riqualificazione di tipo 1.
Le superfici impermeabili a ridosso dell'edificio sono ammesse nella misura massima del 25% della superficie coperta complessiva di progetto.
Fotografia del Fabbricato numero 17
Fabbricato 017:
Riqualificazione di tipo 2.
Fotografia del Fabbricato numero 18
Fabbricato 018:
Demolizione senza ricostruzione
Fotografia del Fabbricato numero 19
Fabbricato 019:
Manutenzione
Spazi aperti:

Tutte le baracche e le tettoie costruite in materiali scadenti, legno e ferro dovranno essere demolite. Il muro che divide in due parti la corte dell'edificio 007 dovrà essere demolito e, qualora la separazione delle due resedi fosse indispensabile, sostituita da un diaframma con minor impatto visivo.
Non è ammessa la pavimentazione delle strade interne al nucleo, nè la realizzazione di marciapiedi; gli interventi sugli spazi aperti anzi dovranno prevedere la rimozione dei marciapiedi esistenti di recente costruzione in porfido, in spezzata di travertino, in cemento. E' ammesso il rifacimento della pavimentazione dell'aia di fianco alla chiesetta, attualmente in cemento, e della pavimentazione della corte interna al fabbricato 007 con materiali differenti adeguati al contesto.
Sono prescrittivi il recupero ed il mantenimento dei muri a secco e dei muri di contenimento di antica costruzione.
Non sono consentite opere di sbancamento o la realizzazione di terrazzamenti; esclusivamente nel caso delle ripe sul lato ovest del nucleo sono ammessi opere di consolidamento del terreno e muri di contenimento che si dimostrino decisivi per la stabilità dei fabbricati soprastanti.
Nelle nuove piantumazioni e nel recupero del giardino dell'edificio 008 dovranno essere scelte specie autoctone.

Modalità di attuazione:

Intervento diretto sottoposto ad autorizzazione.