Norme Tecniche di attuazione del Regolamento Urbanistico

aggiornate alla Variante n° 7 - Variante semplificata - Scheda TU4 - Caserma dei VV.F. Viale Cavour
approvata con D.C.C. n° 6 del 30.01.18
Vigente dal 25.07.18
vigente

gli articoli modificati dalla Variante sono evidenziati
mostra solo gli articoli modificati da questa Variante

Art. 143 La viabilità pedonale (Mh)

1. Il RU promuove la mobilità pedonale anche associando le trasformazioni urbane alla realizzazione di nuovi tracciati pedonali.

2. I seguenti tracciati sono da realizzarsi sulla base delle indicazioni, da ritenersi prescrittive per quanto riguarda il punto di partenza e il punto di arrivo, contenute nelle tavole RU2:

  • - (Rp13) Ciclopedonale rotatoria Via Giovanni Paolo II
  • - (Rp14) Percorso pedonale SR 73 Levante
  • - (Rp31) Passaggio pedonale Ricasoli - Fonti di Pescaia
  • - (Rp33) Collegamento pedonale Viale Avignone
  • - (Rp34) Percorso pedonale Taverne - Presciano
  • - (Rp41) Ciclabile 1º stralcio
  • - (Rp45) Collegamento pedonale Vico Alto
  • - (Rp54) Percorso pedonale Fiorentina
  • - (Rp68) Passaggio pedonale Ravacciano
  • - (Rp69) Passaggio pedonale Esterna Fontebranda (in parte compreso nella scheda TU 3)
  • - (Rp73) Percorso pedonale s. Marco.
  • - (Rp77) Collegamenti pedonali Parco del Tirassegno.

3. La progettazione dovrà curare in particolar modo la fruibilità e l'accessibilità dei diversamente abili sia nella scelta dei tracciati che nelle modalità di superamento dei dislivelli.

Art. 144 Piste ciclabili (Mg)

1. Il tracciato del progetto definitivo della direttrice ciclopedonale Poggibonsi Buonconvento è indicato nelle tavole RU2 ed RU3.

2. Nell'area urbana le nuove piste ciclabili potranno essere realizzate nelle sedi viarie esistenti, marciapiedi compresi, ovvero nell'ambito degli interventi di riqualificazione della viabilità.

3. Le piste ciclabili previste in adiacenza ai nuovi tratti di viabilità dovranno essere realizzate contestualmente alla infrastruttura viaria e all'interno del verde di ambientazione, curandone la compatibilità con eventuali interventi di ambientazione.

4. Le piste ciclabili potranno essere realizzate nelle fasce di rispetto della viabilità esistente o utilizzando tratti di viabilità pubblica minore. Capo IV Gli impianti e le reti tecnologiche