Delibera di Avvio

Estratto dal verbale di deliberazione del Consiglio Comunale nº 51 - Seduta dell'11 Febbraio 2003

Documento ufficiale della Delibera

Oggetto: Piano Strutturale - Avvio del procedimento di formazione

Il presidente pone in discussione la seguente proposta di deliberazione, inviata in precedenza ai Sig.ri Consiglieri: Indirizzi di Programmazione


IL CONSIGLIO COMUNALE

Premesso:
  - che con delibera del Consiglio Regionale Toscano del 2 Aprile 1996 venne approvato, in via definitiva il P.R.G. del Comune di Siena;   - che, in relazione all'intesa tra l'Amministrazione Provinciale e i Comuni della provincia dell'aprile 2001 e del successivo documento d'intesa tra la Regione Toscana e la Provincia di Siena siglato in data 11.04.2001, il Comune di Siena entro il termine del 11.02.2003 è tenuto all'avvio del procedimento di formazione del Piano Strutturale, che dovrà essere adottato entro la data del 11.02.2005;

Considerato:
  - che la volontà dell'Amministrazione di pervenire entro le date di cui sopra all'avvio del procedimento di formazione e alla successiva adozione del Piano Strutturale;   - che il Settore Gestione del Territorio, ai sensi della L.R.5/95 e delle istruzioni tecniche per le comunicazioni di avvio delle elaborazioni per la formazione di piani strutturali e delle varianti agli strumenti urbanistici generali di cui all'ottavo comma art.40 di cui alla delibera C.R.T. 217/98 nonché previa una ricognizione dello stato di fatto del territorio comunale, ha redatto apposita relazione conoscitiva;

Rilevato:
  - che l'Amministrazione Comunale, tenuto conto dei contenuti della relazione conoscitiva, promuove il seguente documento programmatico, indicando con esso gli obbiettivi da perseguire nella formazione del Piano Strutturale:

Dato atto:
  - che in base a quanto emerso dal quadro conoscitivo le ulteriori analisi che si rileva utile sviluppare, riguardano:
a) IL CLIMA
  - Analisi climatica delle aree di pianura e collinari;
  - Considerazioni sulle precipitazioni e sulle temperature medie mensili.
b) LA GEOLOGIA
  - Descrizione dei litotipi affioranti;
  - Lineamenti tettonici dell'area;
  - Inquadramento geomorfologico;
  - Aree a maggiore vulnerabilità idrogeologica;
c) IL RISCHIO IDRAULICO
  - Aree esondabili e studio delle frane;
d) I BOSCHI
  - Descrizione delle tipologie forestali;
e) GLI ASPETTI AGRONOMICI
  - Tipologie e superfici;
  - I sistemi agrari prevalenti;
f) LA FAUNA
  - Descrizione e localizzazione delle diverse specie;
g) GLI ASPETTI IDROLOGICI E IL BILANCIO IDRICO
  - Bilancio idrologico delle aree interessate;
  - Valutazione dei prelievi della risorsa idrica per i diversi usi;
h) GLI ASPETTI ECONOMICI - SOCIALI E DOMOGRAFICI
i) I SISTEMI INFRASTRUTTURALI
j) I SISTEMI A RETE
  - Che il grado di approfondimento di dette analisi potrà variare da tema a tema in base alla effettiva necessità di definizione del dato per la redazione del progetto di Piano Strutturale;
  - che il comune di Siena, in accordo con le Amministrazioni Comunali di Asciano, Castelnuovo, Monteroni e Sovicille, intende impostare alcune delle indagini di cui sopra in maniera integrata, al fine di acquisire strumenti che possano fornire elementi comuni ed omogenei per le scelte di pianificazione, oltre ad una comune base per le diverse analisi;
  - che in merito alla relazione conoscitiva di avvio del procedimento di formazione del Piano Strutturale, nonché sul documento programmatico degli obbiettivi da perseguire nella formazione del Piano Strutturale, si è espressa favorevolmente nella seduta del 4 Febbraio 2003 la Commissione Consiliare Assetto del Territorio;
  - che, in osservanza a quanto previsto dalla L.R. 5/95 nonché dalle istruzioni tecniche di cui alla delibera C.R.T. n. 217 del 9 Marzo 1998, contestualmente all'avvio del procedimento di formazione, viene nominato quale garante dell'informazione il dipendente Roberta Ferri responsabile dell' Ufficio Stampa, Comunicazione Interna ed Esterna;
  - che inoltre, viene nominato quale responsabile del procedimento il dipendente Arch. Rolando Valentini, incaricato della P.O. Progettazione e Programmazione Urbanistica - Piano Strutturale;
  - che per la formazione, adozione e approvazione del Piano Strutturale si procederà in base a quanto previsto dall'art. 25 della L.R. 5/95;

Visto il parere favorevole acquisito in ordine alla regolarità tecnica ai sensi dell'art.49 del D.Lgs. 18.08.2000, n.267;

DELIBERA
1) di approvare l'avvio del procedimento di formazione del Piano Strutturale e la relativa relazione conoscitiva allegata alla presente delibera, redatta in base alle istruzioni tecniche contenute nella delibera del Consiglio Regionale Toscano del 9 Marzo 1998, n°217;
2) di approvare inoltre il documento programmatico con gli obbiettivi da perseguire, promosso dall'Amministrazione Comunale, così come riportato nella parte espositiva del presente atto deliberativo;
3) di dare atto che in osservanza a quanto previsto dalla L.R. 5/95 nonché dalle istruzioni tecniche di cui alla delibera C.R.T. n. 217 del 9 Marzo 1998, viene nominato quale garante dell'informazione il dipendente Roberta Ferri responsabile della U.O. Ufficio Stampa, Comunicazione Interna ed Esterna;
4) di dare atto altresì, che per la formazione, adozione e approvazione del Piano Strutturale si procederà in base a quanto previsto dall'art. 25 della L.R. 5/95;
5) di trasmettere ai fini dell'art. 3 comma 2, della L.R. 5/95, copia del presente atto con allegata la relazione conoscitiva alla Giunta Regionale Toscana e alla Giunta Provinciale di Siena.

Dichiarata aperta la discussione intervengono:
  - Cons. BANDINI Massimo - omissis
  - Cons. LAPISTI Fabio - omissis
  - Cons. CORTONESI Luciano - omissis
  - Cons. CASCIARO Salvatore - omissis
  - Cons. BIANCHI Alessandro - omissis
  - Cons. FIORENZANI Pierpaolo - omissis
  - Cons. FALORNI Marco - omissis
  - Ass. MINUTI Fabio - omissis
  - Cons. TOSCANO Luigi - omissis
  - SINDACO - omissis
  - Cons. MARTINELLI Riccardo - omissis
  - Cons. TRABALLESI Renzo - omissis
  - Cons. BONDI Lorenzo - omissis

Dichiarata chiusa la discussione il Presidente pone in votazione la deliberazione con il seguente esito accertato dai Sigg.ri Scrutatori:

Presenti e votanti
nº 28

Voti favorevoli
nº 21

Voti contrari
nº 7
(Bandini - Falorni - Toscano - Bondi - Manganelli - Traballesi - Milani)


IL PRESIDENTE PROCLAMA L'ESITO DELLA VOTAZIONE IN BASE AL QUALE LA DELIBERAZIONE È APPROVATA.