venerdì,20 settembre 2019

Norme tecniche di attuazione del Regolamento Urbanistico

Variante 17approvata con D.C.C. n. 111 del 26.11.14

Art. 25 Indicazioni per la realizzazione di impianti di distribuzione carburante

1. L'installazione di nuovi impianti di distribuzione carburanti, completi dei locali commerciali e di servizio ad essi pertinenti e meglio specificati nel comma 7, è consentita nelle aree contraddistinte nelle tavole "Usi del suolo e modalità d'intervento" con la sigla Mc.

2. I nuovi impianti o eventuali modifiche di quelli esistenti, dovranno rispettare le seguenti prescrizioni:

  1. - fronte strada: min. 60 ml.
  2. - profondità: min. 12 ml.
  3. - larghezza accessi: min. 15 ml. (con almeno due accessi se su strada Statale)
  4. - aiuola spartitraffico fra gli accessi: lunghezza almeno 30 ml., larghezza 0,50 ml., cordolo almeno 0,20 ml. di altezza;
  5. - dovrà essere garantita la continuità ed integrità delle opere di raccolta, canalizzazione e smaltimento delle acque stradali. Le acque di qualsiasi genere, provenienti dagli impianti di distribuzione carburanti e dai servizi annessi, non potranno essere convogliate nelle opere idrauliche a servizio della strada pubblica;

3. Per gli impianti fuori dai centri abitati, dovrà essere verificato inoltre che:

  1. - la distanza da incroci, dossi o curve (con raggio minore di 100 ml.) sia minimo 95 ml.
  2. - la pendenza massima della strada Statale sia minore del 5%;
  3. - la distanza dalle fermate di autobus sia almeno 50 ml.

4. Per i locali a servizio del mezzo è ammessa una altezza massima di 4,50 ml. e non potranno svilupparsi per più di un piano fuori terra.

5. Per i locali destinati ad attività commerciali o a servizio della persona sono ammessi due piani, di cui uno interrato o seminterrato.

6. Tutti i locali, qualsiasi destinazione d'uso essi abbiano dovranno:

  1. - essere posti ad una distanza di almeno 10 ml. dalla strada;
  2. - avere un rapporto di copertura complessivo minore del 15% e comunque con una superficie utile massima di 500 mq.
  3. - almeno il 30% della superficie dell'impianto deve essere permeabile e sistemata a verde con idonee alberature di alto fusto;
  4. - l'altezza massima delle pensiline non deve superare i 6,00 ml. (misurata all'estradosso)
  5. - in caso di attività commerciali, dovranno essere previsti parcheggi nella misura minima stabilita per le relative attività commerciali come indicato al precedente art. 24.

7. Con la destinazione d%u2019uso Mc, oltre agli impianti di distribuzione dei carburanti, sono ammessi esclusivamente i servizi commerciali di ristoro, di deposito e commercializzazione di prodotti petroliferi in genere, anche per usi diversi dall%u2019autotrazione (agricolo, riscaldamento, ecc.) nonché la vendita di servizi di assistenza legati all%u2019attività del distributore (autofficina, ricambi etc...).
Tali attività diverse e collaterali rispetto all%u2019attività propriamente di distribuzione carburanti dovranno possedere i seguenti ulteriori requisiti:

  1. - non potranno sorgere in aree classificate come Mc se non in presenza di un impianto di distribuzione carburanti;
  2. - se attinenti alla classificazione commerciale e diversi dalla vendita di prodotti petroliferi, dovranno configurarsi nel limite massimo di numero due esercizi di vicinato ai sensi della normativa commerciale vigente.
  3. - I depositi dei prodotti petroliferi dovranno essere realizzati in manufatti interrati e nel rispetto della disciplina urbanistica di tutela degli acquiferi.