venerdì,20 settembre 2019

Schede Normative degli Edifici Rurali e delle Case Sparse

Scheda n°129- Mulino delle Caldane

Pianta dell'area con la distribuzione e numerazione dei fabbricati
Mulino delle Caldane N.129
Fotografia del Fabbricato numero 1
Fabbricato 001:
Restauro.
Fotografia del Fabbricato numero 2
Fabbricato 002:
Riqualificazione di tipo 1.
Fotografia del Fabbricato numero 3
Fabbricato 003:
Demolizione senza ricostruzione.
Fotografia del Fabbricato numero 4
Fabbricato 004:
Riqualificazione di tipo 1.
Fotografia dei Fabbricati numero 5 e 6
Fabbricato 005, 006:
Demolizione con costruzione, nella stessa posizione, di un nuovo fabbricato di massimo due piani e superficie netta non superiore a 1300 mq.; è prevista la destinazione d'uso turistico ricettiva.
fotografia dei fabbricati 7 e 8
Fabbricato 007, 008:
Demolizione senza ricostruzione.
Fotografia del Fabbricato numero 9
Fabbricato 009:
Riqualificazione di tipo 2.
Fotografia del Fabbricato numero 10
Fabbricato 010:
Demolizione senza ricostruzione.
Fotografia del Fabbricato numero 11
Fabbricato 011:
Riqualificazione di tipo 1.
fotografia dei fabbricati 12 e 13
Fabbricato 012, 013:
Demolizione senza ricostruzione.
Fotografia del Fabbricato numero 14
Fabbricato 014:
Demolizione con costruzione di un nuovo fabbricato ad uso residenziale, di massimo duepiani e superficie netta non superiore a 1600 mq.
Fotografia del Fabbricato numero 15
Fabbricato 015:
Demolizione senza ricostruzione.
Fotografia del Fabbricato numero 16
Fabbricato 016:
Riqualificazione di tipo 1, con demolizione senza ricostruzione del corpo di fabbrica ad est.
Fotografia del Fabbricato numero 17
Fabbricato 017:
Demolizione senza ricostruzione.
Spazi aperti:

La sistemazione degli spazi aperti dovrà prevedere il restauro ambientale dell'area, con sistemazione a verde degli spazi a terra e rimozione delle strutture precarie, dei muri e delle recinzioni esistenti. Dovranno essere previste aree alberate destinate a parcheggio per una superficie minima pari a 2200 mq. Massima tutela dovrà essere riservata alla sistemazione delle acque, con conservazione della vasca centrale e ripristino del canale artificiale proveniente dalla vasca delle Caldane; la riscoperta del canale dovrà prevedere la realizzazione di appositi argini in terra battuta a protezione degli edifici esistenti. I terreni residui a valle dell'argine potranno essere sistemati ad orti con possibilità di realizzare, a ridosso dell'argine, piccoli capanni precari in legno per ricovero attrezzi della superficie coperta massima di 5 mq. ogni 500 mq. di superficie ad orto e nel rispetto dell'altezza massima di 2 ml. Prima degli interventi di restauro ambientale dovrà essere effettuato un preventivo sondaggio archeologico.

Modalità di attuazione:

Intervento diretto sottoposto ad autorizzazione, previo progetto unitario di massima e stipula di convenzione.

legenda della pianta dell'area: gli interventi effettuabili pianta dell'area: gli interventi effettuabili