martedì,19 ottobre 2021

Schede di Rilievo del Centro Antico

Scheda n. 128- Via del Castello 01

Scheda Rilievo Centro Antico: Castello Unità edilizia nº 128
Denominazione: Palazzo Campana
Toponimo: via del Castello 01
Notifica/Scheda Soprintendenza: schedato
Estremi notifica: L364/09 art.5
Scheda Piano del Colore: nº001
Destinazione d'uso prevalente:
  1. piano terra: annessi alla residenza
  2. piani superiori: residenza
Destinazione d'uso secondaria:
  1. piano terra: --
  2. piani superiori: --
Data del rilievo: novembre 2001
Foto A: una vista dell'edificio rilevato Foto B: una vista dell'edificio rilevato

Descrizione ed annotazioni:

Il palazzo presenta una pianta ad 'L', al posto dell'ala sinistra mai realizzata si trova il giardino delimitato dalle mura castellane. La facciata a due piani, chiaramente incompiuta, è volta ad ovest e impreziosita da un grandioso arco centrale rinascimentale a bugnato che immette nella via del Castello e, nel piano terra, è affiancato da quattro finestroni inginocchiati con ampi davanzali a rialzo in pietra arenaria grigia. Il rivestimento in arenaria sale fino alla lista orizzontale della metà inferiore del prospetto e si spinge, con bugnato d'angolo, al davanzale di base delle finestre del piano di sopra. Nella metà superiore, ad intonaco, una terrazza centrale sporge su tre mensole e aggetta sopra l'arco della via. La terrazza, la cornice e le decorazioni sono in arenaria. Il prospetto di Palazzo Campana su via del Castello si presenta a squadra. Il giardino all'italiana merita di essere restaurato. Il restauro dell'intero complesso è particolarmente auspicabile sia perché l'edificio è il più rappresentativo e maestoso di Borgo e Castello e poi per lo stato di conservazione precario in cui versa e per la presenza di elementi incongrui assolutamente da sostituire (i travetti in c.a. e i tavelloni di impalcato della copertura).

Particolari:

Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto 5: un particolare dell'edificio rilevato

Notizie storiche:

Il palazzo, costruito secondo la testimonianza del Vasari, su disegno di Giuliano di Baccio d'Agnolo nel 1536, ebbe un lunghissimo periodo di costruzione e non fu portato a termine a causa di dissesti finanziari nella famiglia Campana. Espressione architettonica del '500 toscano, l'inizio dei lavori è datato 1532 con la demolizione di alcuni piccoli fabbricati e del vecchio ponte levatoio, sostituito - quest'ultimo - da un ponte in muratura. A schema articolato e forma irregolare con pareti portanti in pietra e laterizio con ricorsi e decorazioni in pietra. Al centro della facciata si apre un bel portale affiancato da due finestre inginocchiate per lato. A destra del portale si trova la porta dell'ingresso principale e a sinistra un giardino all'italiana a cui si accede da un cancello in ferro battuto. L'area verde è chiusa da mura su tre lati mentre il lato nord è aperto. La tipologia degli spazi verdi e i manufatti richiamano l'impronta architettonica del palazzo. La scelta delle essenze appartiene quasi totalmente alla macchia mediterranea.