martedì,19 ottobre 2021

Schede di Rilievo del Centro Antico

Scheda n. 140- Via del Castello

Scheda Rilievo Centro Antico: Castello Unità edilizia nº 140
Denominazione: Duomo e campanile
Toponimo: via del Castello
Notifica/Scheda Soprintendenza: notificato
Estremi notifica: L490/99 art.2
Scheda Piano del Colore: nº039/040
Destinazione d'uso prevalente:
  1. piano terra: servizi
  2. piani superiori: servizi
Destinazione d'uso secondaria:
  1. piano terra: --
  2. piani superiori: --
Data del rilievo: novembre 2001
Foto A: una vista dell'edificio rilevato Foto B: una vista dell'edificio rilevato

Descrizione ed annotazioni:

Il complesso della cattedrale, tipicamente seicentesco, si trova in posizione baricentrica nel terzo del Castello. La pianta è a schema basilicale con una navata centrale e due minori laterali, un transetto a terminazione rettilinea ed una profonda cappella del coro a terminazione curvilinea. In corrispondenza d'ogni campata delle navate laterali si trovano quattro cappelle barocche. Sia l'arredo che gli altari sono seicenteschi. All'incrocio delle navate con il transetto c'è un tamburo cieco, che avrebbe dovuto sostenere una cupola mai realizzata. All'esterno, nel largo che ha sul lato sinistro, è chiaro chiaramente come sia stato costruito sul sito dove sorgeva l'antica pieve di San Salvatore pur ricevendo un diverso orientamento: sulla parete laterale sinistra si vedono ancora le sette arcate cieche sostenute da esili semicolonne che ornavano la parte inferiore della facciata della pieve romanica. La torre campanaria si eleva massiccia scandita in quattro comparti listati in arenaria corrispondenti ai piani. Si sviluppa su un basamento di pietra squadrata, su cui poggiano due ordini contenuti da lesene angolari in pietra come la cornice marcapiano che li divide, mentre il resto del paramento murario è in cotto. Al culmine si trova la cella campanaria la cui sommità è incompiuta come si vede dagli occhi rimasti a metà. Le finestre della parte basamentale sono quadrate, quelle soprastanti sono rettangolari, mentre le aperture degli ultimi livelli sono ad arco a sesto ribassato

Particolari:

Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto 5: un particolare dell'edificio rilevato

Notizie storiche:

Nel 1602 fu decisa la demolizione dell'antica chiesa di S. Salvatore. L'inizio dei lavori risale al 1603 su progetto di Fausto Rughesi di Montepulciano e la costruzione si protrae fino al 1630 lasciando grezza la facciata, arretrata rispetto alla torre. Nel 1658 si possono considerare definitivamente concluse le opere della struttura, anche se la facciata verrà realizzata dall'architetto senese Agostino Fantastici nei primi anni trenta dell'800. Altre fonti che riportano l'attuale facciata realizzata non da Bernardino Fantastici ma da Agostino Fantastici, entrambe senesi, nel 1815 in un schema neoclassico di fredde geometrie. In corrispondenza del transetto, sotto la Cattedrale, si sviluppano i locali della cripta, con l'accesso autonomo dall'esterno da via del Castello. Attraverso un androne coperto con una volta a botte, una scala scende fino all'ingresso della cripta che viene descritta come avente una pianta a croce greca con soffitto a crociera. Sotto questi ambienti sembra che ce ne siano altri.