martedì,19 ottobre 2021

Schede di Rilievo del Centro Antico

Scheda n. 178- Via del Castello 31

Scheda Rilievo Centro Antico: Castello Unità edilizia nº 178
Denominazione: Palazzo dei Priori
Toponimo: via del Castello 31
Notifica/Scheda Soprintendenza: notificato
Estremi notifica: L490/99 art.2
Scheda Piano del Colore: nº014
Destinazione d'uso prevalente:
  1. piano terra: commercio
  2. piani superiori: servizi
Destinazione d'uso secondaria:
  1. piano terra: --
  2. piani superiori: residenza
Data del rilievo: novembre 2001
Foto A: una vista dell'edificio rilevato Foto B: una vista dell'edificio rilevato

Descrizione ed annotazioni:

L'edificio, di certa origine medievale, presenta una facciata rimaneggiata durante il cinquecento, con una pianta piuttosto regolare ed il prospetto su via di Castello molto strutturato, scandito com'è da due ordini di archi, tutte in asse tra di loro e decorati con un affresco che funge da banda marcapiano. Una gradonata con terrazzo di arrivo, parallela al fronte corto, in pietra, tradisce l'origine medievale del fabbricato e sotto la medesima scala si trova una delle fonti di Castello, detta 'fonte di Palazzo'. La facciata è intonacata solo su via di Castello, infatti di fianco e sul retro di via di Mezzo la tessitura muraria è realizzata prevalentemente in laterizi. Sulla facciata che dà su via di Mezzo si nota la probabile impaginazione originale; la facciata priva di intonaco denuncia interventi, anche pesanti, di tamponamento e di apertura di finestre anche di grande luce. A piano terra poi un porticato è stato tamponato ed il terrazzo di arrivo della scala un tempo probabilmente aveva uno sporto sorretto da mensole lapidee ad oggi rimosse. L'edificio è stato recuperato di recente ma forse un'ulteriore opera di valorizzazione non guasterebbe. Si auspica quindi la rimozione di tutte la superfetazioni e degli elementi realizzati in materiali incongrui presenti soprattutto lungo la cortina muraria di via di Mezzo. Sarebbero da omettere gli elementi di oscuramento esterno, se non strettamente necessari, o dove non siano attualmente presenti.

Particolari:

Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto: un particolare dell'edificio rilevato Foto 5: un particolare dell'edificio rilevato

Notizie storiche:

La struttura risale al 1200-1300 e presenta torre tronca, a sinistra; schema articolato, di forma poligonale a sei lati con pareti portanti in pietra messa in opera a filaretto e laterizio e decorazioni e ricorsi in pietra. In facciata presenta decorazioni a pittura tardo Rinascimentali (per altre fonti graffito del 1400). Di fianco c'è una ripida scala in pietra esterna parallela al fronte secondario. Il palazzo è stato per lungo tempo abbandonato poi fu, nel '900, adibito a museo civico. È stato oggetto di vari restauri. La fonte è incassata sotto una volta che sostiene la scalinata che conduce ai piani superiori dell'antico palazzo del Comune o dei Priori. Le aperture sono incorniciate da elementi lapidei, come di pietra è anche la grossa lastra con fessura tale da permettere il movimento del congegno che serve ad attivare la pompa idraulica detta menatoio a dondolo. La fonte è dotata di una grande vasca di forma rettangolare, ha una larghezza maggiore del vano scala e quindi parte di essa va ad insinuarsi sotto il vicolo che collega via del Castello con via di Mezzo e presenta pareti intonacate con malta e pozzolana per rendere la struttura impermeabile. Il vano superiore è coperto da volte a botte.