Comune di Montemurlo

Schede normative e di indirizzo progettuale AR

AR 5 UTOE 1- Area di Riqualificazione - Via Montalese

AREA DI INTERVENTO mq 3470
DIMENSIONAMENTO Sostituzione edificio produttivo nel rispetto dei seguenti parametri urbanistici:
SUL max mq 1000
Sc 600 mq
H max 7,00 ml
Ros = 50% Sf
Tipologia: Schiera.
Parcheggi privati nelle quantità prevista all'art. 13 delle NTA..
DESTINAZIONI D'USO Residenza.
DISPOSIZIONI PARTICOLARI Nella progettazione e realizzazione del nuovo edificio residenziale dovrà essere rispettato quanto previsto all'art. 145 - "Prescrizioni ambientali" lett. b), f), h), j), k).
Nella realizzazione del nuovo edificio dovrà essere posta particolare attenzione all'uso dei materiali di finitura, alle coperture e le tinteggiature e rivestimenti esterni, alla definizione degi spazi connettivi e degli spazi aperti, in particolare al rapporto tra gli edifici esistenti e i nuovi interventi. Dovranno essere mantenuti i caratteri agricoli dell'area ed eventuali piantumazioni dovranno essere coerenti con le caratteristiche ambientali.
OPERE O ATTREZZATURE PUBBLICHE Realizzazione e cessione di parcheggio pubblico di mq 800 e strada di penetrazione. Sistemazione ambientale della fascia ripariale con realizzazione e cessione di fascia a verde di mq 250.
MODALITÀ DI ATTUAZIONE Intervento diretto, convenzionato, previa approvazione progetto unitario.
L'intervento è soggetto a "Valutazione degli effetti ambientali delle trasformazioni" nelle modalità previste all'art. 147 delle NTA.
NORMATIVA VALIDA PRIMA DELL'ATTUAZIONE DELL'INTERVENTO Manutenzione ordinaria, straordinaria e ristrutturazione Rs1.
Non sono ammessi i frazionamenti.
FATTIBILITÀ La realizzazione dell'intervento è soggetta al rispetto di quanto disposto dalla "Tabella 1 - Classificazione di fattibilità relativa agli interventi di maggior incidenza sul terreno per ciascuna zona urbanistica" della Relazione geologica e dagli art. 37, 38 e 39 delle NTA, secondo le seguenti indicazioni:
Fattibilità Geomorfologica Fattibilità idraulica Fattibiltà sismica
Classi di pericolosità Classi di pericolosità
(le sigle Pi3 e Pi4 si riferiscono alla pericolosità Elevata e Molto Elevata del PAI)
Classi di pericolosità
G1 G2 G3 G4 Collina e Pianura Tr>500
I1
Tr 200÷500
I2
Tr 30÷200
I3
Tr < 30
I4+Pi3
e battente TR200 < 50cm
Tr < 30
I4 + Pi4 e I4+Pi3
con battente TR200 > 50cm
S1 S3
F1g               LR 21/12   F2s
- F1g fattibilità senza particolari limitazioni.
- F2s fattibilità sismica locale con normali vincoli.
- LR 21/12 fattibilità limitata (con interventi strutturali)

Gli interventi contenuti nella presente scheda, oltre a quanto prescritto dalle condizioni di fattibilità della classe F2i sono subordinati, ai sensi della L.R. 21/2012, all’attuazione di interventi strutturali di rilevanza territoriale necessari per la mitigazione del rischio idraulico e precisamente:
  1. 1 - adeguamento dell’attraversamento dell’Agna da realizzarsi mediante sottofondazione del ponte della vecchia Montalese e sbassamento della briglia posta immediatamente a valle.
Lo studio idraulico necessario per la realizzazione dell’intervento di messa in sicurezza dell’area dovrà dimostrare che tale intervento non aumenta la pericolosità nelle aree a valle. Tale studio dovrà essere trasmesso al Genio Civile allo scopo di acquisire un parere tecnico vincolante per l’Amministrazione.
Fino alla certificazione dell’avvenuta messa in sicurezza conseguente alla realizzazione e il collaudo delle opere idrauliche accompagnata dalla delimitazione delle aree risultanti in sicurezza, che permetta una classificazione di pericolosità idraulica dell’area inferiore, non può essere rilasciato il permesso a costruire.
Estratto in scala 1:1000 della AR 5
AR 5 - Estratto scala 1:1000
Legenda