Norme Tecniche di attuazione del Regolamento Urbanistico

aggiornate alla Variante n° - adeguamento del Regolamento Urbanistico recependo il perimetro cartografico delle aree di cava rappresentate nel Piano Attività Estrattive e di Recupero della Provincia di Siena (PAERP), ai sensi dell’art.21 della L.R.T 65/2014
approvata con D.C.C. n° 32 del 27.02.18
Vigente dal 27.02.18

gli articoli modificati dalla Variante sono evidenziati
mostra solo gli articoli modificati da questa Variante

Art. 111 Struttura e organizzazione della disciplina

1. La disciplina della città in trasformazione è articolata in funzione dei tre paradigmi assunti dal RU per gestire l'evoluzione degli assetti insediativi infrastrutturali ed edilizi di Siena, costituiti da:

  • - la polarizzazione;
  • - l'integrazione e il riequilibrio;
  • - i rafforzamenti delle reticolarità.

2. Gli interventi di polarizzazione hanno per oggetto le trasformazioni urbane che agiscono su parti limitate dell'insediamento comunque idonee a generare ma che generano fenomeni di riqualificazione su porzioni ampie della città. Il PS, con l'individuazione delle ATI (Aree di Trasformazione Integrata), ha preliminarmente individuato la collocazione spaziale di questi poli, di cui il RU programma l'attuazione nel tempo.

3. Gli interventi di integrazione e di riequilibrio sono costituiti da azioni diffuse preordinate ad incrementare la qualità insediativa (intesa nelle sue varie accezioni: qualità degli spazi pubblici, accessibilità, risposte puntuali alla domanda insediativa e di mobilità) alle differenti scale e nelle differenti parti della città.

4. Gli interventi di rafforzamento delle reticolarità sono costituiti da azioni preordinate a migliorare l'efficienza delle reti e delle relazioni, con il duplice obiettivo di risolvere i problemi pregressi e di creare le premesse logistiche ed infrastrutturali per trasformazioni urbane da attuarsi con i successivi RU.

5. La disciplina della presente Parte III è integrata dalle disposizioni riguardanti le trasformazioni agricole nel territorio rurale, contenute nel Titolo V.

6. Nella progettazione di interventi di nuova edificazione e di nuove infrastrutture viarie, dovrà essere effettuata una valutazione di clima acustico sulla base delle normative di settore.

7. Una volta attuati, gli interventi di cui alla polarizzazione e all'integrazione e riequilibrio, acquisiscono la normativa di riferimento del tessuto in cui sono collocati.

Art. 112 Articolazione degli interventi di polarizzazione

1. La disciplina degli interventi di polarizzazione, contenuta nel Titolo II della presente Parte III definisce le modalità con cui il presente RU consente la progressiva realizzazione delle ATI individuate dal PS, con l'indicazione delle finalità, dei parametri dimensionali e delle modalità di attuazione.

2. In funzione del livello di attuazione programmato dal RU gli interventi di polarizzazione possono essere corredati da Dossier Progettuali e Valutativi (DPV); singoli interventi ricadenti in ATI possono essere corredati da Schede Progetto (TU).

Art. 113 Articolazione degli interventi di integrazione e riequilibrio

1. La disciplina degli interventi di integrazione e riequilibrio è articolata in funzione della entità e della natura delle operazioni urbanistiche ed edilizie dedicando:

  • - il Capo I alle Trasformazioni Urbane gestite attraverso le Schede Progetto contenute nell'Allegato 2 delle presenti NTA. Queste trasformazioni sono contrassegnate nella tavola RU2 con la sigla TU, seguita da numerazione progressiva;
  • - il Capo II alle operazioni che interessano Aree di Riqualificazione e Completamento dei tessuti esistenti, costituite da trasformazioni di contenuta entità, da attuarsi generalmente con intervento edilizio diretto, contrassegnate nelle tavole RU2 ed RU3 con la sigla AR seguita da numerazione progressiva;
  • - il Capo III agli interventi riguardanti il verde urbano (parchi urbani e verde di quartiere) e i progetti di paesaggio con l'indicazione delle finalità, dei criteri progettuali e delle modalità attuative; sono perimetrati nelle tavole RU2 ed RU3 con apposito segno grafico, oppure ne sono specificati in normativa alcuni riferimenti spaziali. I parchi urbani sono contrassegnati dalla sigla VT seguita da numerazione progressiva; la presenza della lettera "p" dopo la sigla VT indica che si tratta di parchi totalmente o parzialmente di progetto.

Art. 114 Articolazione degli interventi di rafforzamento delle reticolarità

1. Gli interventi di rafforzamento delle reticolarità, oggetto del Titolo IV, sono articolati in quattro capi:

  1. - il Capo I, La rete stradale e i parcheggi, che contiene le azioni inerenti la mobilità privata su gomma e la sosta;
  2. - il Capo II, La rete ferroviaria e il TPL su gomma, che contiene le azioni per il rafforzamento della mobilità pubblica;
  3. - il Capo III, La mobilità ciclopedonale, che contiene le azioni tese a creare nuove opportunità per la mobilità sostenibile;
  4. - il Capo IV, Gli impianti e le reti tecnologiche, che contiene gli interventi necessari ad ampliare le dotazioni infrastrutturali nonché a migliorarne l'efficienza e la compatibilità con il contesto.